Lettera n. 2 dell’Audit civivo sul debito pubblico francese

 Lettera n. 2 dell’Audit civivo sul debito pubblico francese

L’iniziativa dell’audit civico sul debito pubblico francese prosegue il suo corso. Il successo dell’appello alla mobilitazione civica che ha raccolto più di 600 000 firme, ha fatto nascere un centinaio di collettivi ovunque in Francia, nelle città, quartieri, paesi, per lanciare una vasta campagna di educazione popolare sui temi del debito pubblico (v. elenco dei gruppi locali)

Questa dinamica popolare, locale, è stata il fattore decisivo del grande successo ottenuto nel week-end di mobilitazione del 14 gennaio 2012 con il sabato dedicato a molti incontri e al coordinamento dei collettivi locali, seguito la domenica da una conferenza internazionale su “il loro debito, la nostra democrazia”.

Alcuni giorni dopo il declassamento dalla “tripla A” della Francia, più di mille persone si sono riunite con l’esigenza di alternative alle politiche assurde dell’austerità  che “rassicura i mercati”. Una sintesi dei lavori è disponibile sul sito dell’”audit citoyen”.

Ora siamo coinvolti da un’altra “attualità” : manifestazioni storiche in Portogallo contro le politiche della Troika e del governo, sollevazioni in Grecia contro il nuovo piano di austerità… ovunque in Europa le popolazioni sono sacrificate sull’altare del debito per “rassicurare i mercati”.

E urgente invertire la tendenza!

I membri del collettivo per un audit civico sono impegnati anche in iniziative di solidarietà con il popolo greco perché la loro lotta è la nostra lotta.(Leggere l’appello alla solidarietà degli indignati greci).

Calendario

La bruciante attualità mostra l’urgenza di mobilitarsi insieme e in modo massiccio contro le misure anti-sociali e anti-democratiche messe in atto con il pretesto del debito pubblico.

In questa prospettiva, e in seguito all’incontro dei collettivi locali del 14 gennaio, il collettivo (nazionale)  ha predisposto un calendario comune di mobilitazione per coordinare le iniziative locali.

 

Il calendario tiene conto della necessità di una mobilitazione forte su scala europea contro l’austerità distruttrice e contro il progetto di nuovo Trattato che verrebbe firmato dal vertice europeo del 1° e 2 marzo. Da quella data inizieranno le procedure di ratifica. È quindi prevista una settimana di mobilitazione decentrata, con molteplici iniziative locali, dal 5 al 12 marzo.

 

Nell’ambito di tale settimana di azione, il 5 marzo si terrà a Parigi un meeting del collettivo

(maggiori informazioni e volantino disponibili qui)

Il calendario tiene conto anche della grande manifestazione europea prevista a Francoforte nella seconda metà di maggio con i movimenti sociali europei per protestare contro le politiche ingiuste della Troika -Unione Europea, Banca Centrale Europea e FMI.

In occasione delle elezioni in Francia, il collettivo si appella – in collegamento con l’iniziativa “liberiamo le elezioni” –  ad azioni decentrate il 31 marzo per liberare i popoli europei dal debito, e a una’azione decentrata dei collettivi locali il 1° maggio.

Infine, il calendario riprende l’idea di un grande incontro nazionale a fine giugno, militante e di festa con i collettivi locali e i movimenti in lotta contro l’austerità.

 

Strumenti per una campagna popolare

Per vincere la battaglia delle idee occorre condurre una campagna popolare, di base, che raggiunga il maggior numero possibile di persone. L’incontro dei collettivi locali del 14 gennaio ha messo in luce la grande ricchezza e varietà delle produzioni dei collettivi locali, sia  che si tratti di idee di mobilitazione o di illustrazioni e manifesti, sia di produzioni diverse come i video militanti. Bisogna continuare con questa dinamica di condivisione e creatività.

In questa fase il collettivo nazionale sta preparando un kit di mobilitazione comprendente un quiz (disponibile qui), un fascicolo di frasi fatte sul debito  e un video esplicativo. Se siete vignettisti o lavorate nel campo dell’animazione, potete aiutarci con il vostro contributo a livello di collettivo.

In generale,  che si tratti di volantinare in un mercato, gestire una conferenza stampa per un evento, o proiettare dei video, la vostra partecipazione è comunque preziosa. Prendete contatto con il collettivo locale più vicino qui o con contact@audit-citoyen.org.

Enti locali e lotte sociali

Il collettivo per l’audit civico mette a disposizione di tutti, cittadini, militanti, collettivi locali, gli strumenti necessari per rapportarsi con le comunità locali. Il debito pubblico locale è un punto d’attacco importante, che permette di mobilitare a livello locale.

Come evidenzia la mappa pubblicata da Libération, i derivati tossici riguardano molte amministrazioni locali.

L’iniziativa “interpellate il vostro Sindaco” ha lo scopo di suggerire l’adozione di una delibera del Consiglio comunale, sul debito della Comunità, il finanziamento pubblico locale e la dinamica dell’audit civico.

L’Iniziativa potrebbe favorire la formazione di una rete di Enti locali per l’audit civico, che accettano di render conto ai loro amministrati e che sostengano così  la dinamica dell’audit civico e i suoi principi.

A livello locale i collettivi sono presenti anche nelle lotte per la difesa dei servizi pubblici. E’ il caso, ad esempio, dell’ospedale pubblico di Béziers  dove l’appello per un audit civico sul debito sarà distribuito in occasione della giornata di azione del 29 febbraio.

E’ solo l’inizio. Bisogna aumentare le mobilitazioni contri i tagli di bilancio e la soppressione di posti di lavoro.

Le iniziative di audit in Europa

La presa di coscienza dell’ingiustizia e dell’assurdità delle politiche attuate con il pretesto del debito, è globale. Sono state lanciate iniziative per l’audit civico un po’ ovunque in Europa (Spagna, Portogallo, Italia, Regno Unito, Irlanda,  e soprattutto in Grecia) ma anche nel Maghreb (Tunisia, Egitto, Marocco). Il 7 aprile è prevista a Bruxelles una riunione di coordinamento delle iniziative sul debito.

Grazie della vostra attenzione. Visitate il nostro sito  https://www.audit-citoyen.org

Altro contatto: contact@audit-citoyen.org

La lotta continua!

 

Lettera n. 2 dell’Audit civivo sul debito pubblico francese

 

13 febbraio 2012

Collectif pour un audit citoyen

 

Vignetta

 *Quest’anno sarà difficile tosarli

+ Siamo il 99%

+ Debito illegittimo

+ Audit

 

 

 

 

L’iniziativa dell’audit civico sul debito pubblico francese prosegue il suo corso. Il successo dell’appello alla mobilitazione civica che ha raccolto più di 600 000 firme, ha fatto nascere un centinaio di collettivi ovunque in Francia, nelle città, quartieri, paesi, per lanciare una vasta campagna di educazione popolare sui temi del debito pubblico (v. elenco dei gruppi locali)

 

Questa dinamica popolare, locale, è stata il fattore decisivo del grande successo ottenuto nel week-end di mobilitazione del 14 gennaio 2012 con il sabato dedicato a molti incontri e al coordinamento dei collettivi locali, seguito la domenica da una conferenza internazionale su “il loro debito, la nostra democrazia”.

Alcuni giorni dopo il declassamento dalla “tripla A” della Francia, più di mille persone si sono riunite con l’esigenza di alternative alle politiche assurde dell’austerità  che “rassicura i mercati”. Una sintesi dei lavori è disponibile sul sito dell’”audit citoyen”.

 

Ora siamo coinvolti da un’altra “attualità” : manifestazioni storiche in Portogallo contro le politiche della Troika e del governo, sollevazioni in Grecia contro il nuovo piano di austerità… ovunque in Europa le popolazioni sono sacrificate sull’altare del debito per “rassicurare i mercati”.

E urgente invertire la tendenza!

I membri del collettivo per un audit civico sono impegnati anche in iniziative di solidarietà con il popolo greco perché la loro lotta è la nostra lotta.(Leggere l’appello alla solidarietà degli indignati greci).

 

Calendario

 

La bruciante attualità mostra l’urgenza di mobilitarsi insieme e in modo massiccio contro le misure anti-sociali e anti-democratiche messe in atto con il pretesto del debito pubblico.

In questa prospettiva, e in seguito all’incontro dei collettivi locali del 14 gennaio, il collettivo (nazionale)  ha predisposto un calendario comune di mobilitazione per coordinare le iniziative locali.

 

 

Il calendario tiene conto della necessità di una mobilitazione forte su scala europea contro l’austerità distruttrice e contro il progetto di nuovo Trattato che verrebbe firmato dal vertice europeo del 1° e 2 marzo. Da quella data inizieranno le procedure di ratifica. È quindi prevista una settimana di mobilitazione decentrata, con molteplici iniziative locali, dal 5 al 12 marzo.

 

 

Nell’ambito di tale settimana di azione, il 5 marzo si terrà a Parigi un meeting del collettivo

(maggiori informazioni e volantino disponibili qui)

 

Il calendario tiene conto anche della grande manifestazione europea prevista a Francoforte nella seconda metà di maggio con i movimenti sociali europei per protestare contro le politiche ingiuste della Troika -Unione Europea, Banca Centrale Europea e FMI.

 

In occasione delle elezioni in Francia, il collettivo si appella – in collegamento con l’iniziativa “liberiamo le elezioni” –  ad azioni decentrate il 31 marzo per liberare i popoli europei dal debito, e a una’azione decentrata dei collettivi locali il 1° maggio.

 

Infine, il calendario riprende l’idea di un grande incontro nazionale a fine giugno, militante e di festa con i collettivi locali e i movimenti in lotta contro l’austerità.

 

 

Strumenti per una campagna popolare

 

Per vincere la battaglia delle idee occorre condurre una campagna popolare, di base, che raggiunga il maggior numero possibile di persone. L’incontro dei collettivi locali del 14 gennaio ha messo in luce la grande ricchezza e varietà delle produzioni dei collettivi locali, sia  che si tratti di idee di mobilitazione o di illustrazioni e manifesti, sia di produzioni diverse come i video militanti. Bisogna continuare con questa dinamica di condivisione e creatività.

 

In questa fase il collettivo nazionale sta preparando un kit di mobilitazione comprendente un quiz (disponibile qui), un fascicolo di frasi fatte sul debito  e un video esplicativo. Se siete vignettisti o lavorate nel campo dell’animazione, potete aiutarci con il vostro contributo a livello di collettivo.

 

In generale,  che si tratti di volantinare in un mercato, gestire una conferenza stampa per un evento, o proiettare dei video, la vostra partecipazione è comunque preziosa. Prendete contatto con il collettivo locale più vicino qui o con contact@audit-citoyen.org.

Enti locali e lotte sociali

 

Il collettivo per l’audit civico mette a disposizione di tutti, cittadini, militanti, collettivi locali, gli strumenti necessari per rapportarsi con le comunità locali. Il debito pubblico locale è un punto d’attacco importante, che permette di mobilitare a livello locale.

Come evidenzia la mappa pubblicata da Libération, i derivati tossici riguardano molte amministrazioni locali.

 

L’iniziativa “interpellate il vostro Sindaco” ha lo scopo di suggerire l’adozione di una delibera del Consiglio comunale, sul debito della Comunità, il finanziamento pubblico locale e la dinamica dell’audit civico.

 

L’Iniziativa potrebbe favorire la formazione di una rete di Enti locali per l’audit civico, che accettano di render conto ai loro amministrati e che sostengano così  la dinamica dell’audit civico e i suoi principi.

 

A livello locale i collettivi sono presenti anche nelle lotte per la difesa dei servizi pubblici. E’ il caso, ad esempio, dell’ospedale pubblico di Béziers  dove l’appello per un audit civico sul debito sarà distribuito in occasione della giornata di azione del 29 febbraio.

E’ solo l’inizio. Bisogna aumentare le mobilitazioni contri i tagli di bilancio e la soppressione di posti di lavoro.

 

Le iniziative di audit in Europa

 

La presa di coscienza dell’ingiustizia e dell’assurdità delle politiche attuate con il pretesto del debito, è globale. Sono state lanciate iniziative per l’audit civico un po’ ovunque in Europa (Spagna, Portogallo, Italia, Regno Unito, Irlanda,  e soprattutto in Grecia) ma anche nel Maghreb (Tunisia, Egitto, Marocco). Il 7 aprile è prevista a Bruxelles una riunione di coordinamento delle iniziative sul debito.

 

Grazie della vostra attenzione. Visitate il nostro sito  https://www.audit-citoyen.org

Altro contatto: contact@audit-citoyen.org

La lotta continua!

Les commentaires sont fermés.